NOTIZIE cibo e arte


Categoria: cibo e arte

La Frutta secca


Natura morta - Georg Flegel (1632)
Natura morta - Georg Flegel (1632)

In epoca dinastica noci e mandorle facevano parte del costume alimentare e fu proprio dalla civiltà egizia che tali frutti penetrarono nella civiltà greca e in quella romana.
Nei banchetti dell’antichità la frutta secca faceva parte della secunda mensa, quando i greci cambiavano il piano del tavolo prima si servirla, e i romani sostituivano la tovaglia.
Nella Roma antica era abitudine spargere noci sul pavimento della casa del futuro marito in occasione delle nozze, e pertanto esse erano simbolo di matrimonio.
Anche in epoca cristiana il consumo della frutta secca non subì flessioni, caricandosi di mistici simbolismi. Nelle fonti esegetiche mandorle, noci e nocciole sembra abbiano valore intercambiabile. Rabano Mauro (benedettino tedesco IX sec.) sottolineava come questi frutti avessero simile struttura, contraddistinta dalla presenza di un guscio duro e di un interno gustoso. Sul piano analogico gli alberi che le producevano rappresentavano la Chiesa poiché essa riuniva gli uomini santi come la pianta era carica di frutti gustosi. Secondo alcuni studiosi le fasi che scandirebbero la generazione di questi frutti rimanderebbero all’incarnazione di Cristo e al mistero della Trinità.
Significato
Matrimonio, Provvidenza, incarnazione di cristo, trinità.
Iconografia
Negli inventari stagionali di frutta e verdura la frutta secca invernale compare spesso, ciò avviene prevalentemente nelle scene di genere e nelle nature morte.
Leggi news bosco
Leggi news arte e frutta





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria