NOTIZIE


 NOTIZIA DEL GIORNO

Cibi tradizionali di tutti i santi

‘Tutti i Santi’ viene celebrata con particolare enfasi in diverse parti d'Europa di tradizione cattolica, ponendo l’accento piuttosto sull’aspetto gastronomico che mistico. In Galizia e nel Cantabrico è questo il giorno del ‘Magosto’ (dal latino ‘Magum Ustum’, fuoco magico), un grande...

Cipolla rossa di Acquaviva

Cipolla rossa di Acquaviva

“Vuolsi notare che fra i ricolti, onde maggiormente si avvantaggia la classe agricola è quello delle cipolle, ricercatissime anche da lontane regioni, essendo prodotto speciale di una parte di questo suolo, che...

Pasta sfoglia a la Varenne - Storia della gastronomia

Pasta sfoglia a la Varenne - Storia della gastronomia

Gia conosciuta da Egizi, Greci e Romani, che la preparavano con olio al posto del burro. Detta anche "sfogliata", è una pasta cotta al forno, leggerissima e molto friabile. La sua lavorazione è...

Riso in Sardegna

Riso in Sardegna

Nella cucina mondiale il riso viene servito semplicemente bollito. In tutte le cucine mediterranee, dalla Grecia alla Turchia, dall’Egitto alla Libia, accompagna numerose pietanze di carne, pesce e verdure. In Marocco...

Aragosta e filosofi

Aragosta e filosofi

L’aragosta è ritenuta dall’opinione comune un cibo afrodisiaco per antonomasia, portata quasi indispensabile nelle cene galanti e nei menù nuziali. Questo crostaceo viene citato come eccitante per le...

Frattaglie e coraggio

Frattaglie e coraggio

La passione che gli Etruschi avevano per il fegato e le frattaglie (rigaglie se riferite a volatili o affini) è comune con molte società. Un vecchio racconto Irlandese narra con dovizia di particolari...

Tipi di pasta umbra

Tipi di pasta umbra

La pasta in Umbria è preparata soprattutto con sola farina di grano tenero e acqua, mentre raramente viene utilizzato l’uovo. Diversi gli esempi: -“ciriole o ceriole” (sorta di fettuccine ternane), il cui nome...

Piccole regole per impiattare

Piccole regole per impiattare

Tre le regole di base da seguire: 1. La decorazione deve mettere in risalto il piatto ma senza essere troppo invadente. 2. Tutte le decorazioni devono essere commestibili. 3. Le decorazioni devono rispecchiare...

Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana Dop

Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana Dop

Il Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana DOP è un formaggio prodotto con latte di vacca intero. Presenta una crosta sottile, compatta, naturale di colore giallo paglierino tendente al grigio con la...

Moscardino dall'odore di muschio

Moscardino dall'odore di muschio

E’ un mollusco che assomiglia ad un piccolo polpo, possiede otto braccia o tentacoli, ed a differenza del polpo possiede un unica fila di ventose per ogni tentacolo, il colore è marroncino con riflessi...

Cavoli miniere di gusto e salute

Cavoli miniere di gusto e salute

Le varietà di questo ortaggio sono numerosissime: broccoli, cavolfiori, cavolini, insomma la stessa famiglia di piante per tanti alimenti diversi. Sono facili da coltivare tutto l'anno, ne esistono...

Dolci tradizionali Abruzzo

Dolci tradizionali Abruzzo

L’Abruzzo è forse la regione che conserva meglio le sue tradizioni dolciarie. Il pasto si chiude in genere con dolci a base di materie prime locali: mosto e composta di ceci, mandorle e pinoli, noci e castagne,...

L'origine delle tradizioni agricole italiane

L'origine delle tradizioni agricole italiane

Testo di Lorenzo Costantini - Loredana Biasini Costantini Museo d’Arte Orientale - Roma Ministero Beni e Attività Culturali. La produzione del cibo fu inizialmente una integrazione e un supplemento alla caccia...

Trippa simbolo italiano

Trippa simbolo italiano

C’è un piatto che forse più di ogni altro, da 150 anni a questa parte, ha unito l’Italia: la trippa. È la bandiera che sventola sulla tavola tricolore dalle Alpi a Capo Passero, dal Gargano a Capo...

Storia dell'olivo e del suo olio

Storia dell'olivo e del suo olio

Fin dai tempi più remoti l'olivo venne considerato un simbolo trascendente di spiritualità e sacralità. Sinonimo di fertilità e rinascita, di resistenza alle ingiurie del tempo e delle...

Tradizione baccalà e panini

Tradizione baccalà e panini

Le popolazioni basche del Golfo di Biscaglia (Guascogna) erano cacciatori di balene ed inseguendole verso il nord-Atlantico fino ai Grand Banks, si trovarono intrappolati tra immense colonie di merluzzi, per catturare...

 RICETTE


 RICETTA DEL GIORNO

Ossa di Santi

Realizzare un marzapane impastando, in una pentola posta su fuoco basso, farina di mandorle, acqua e zucchero. Una volta raffreddato, fare una sfoglia spessa con l’aiuto di un matterello. A parte, si prepara il ripieno portando ad ebollizione dell’acqua e zucchero. A questo sciroppo va aggiunto...

Insalata alla Rossini

Insalata alla Rossini

"Prendete dell'olio di Provenza, mostarda inglese, aceto di Francia, un po' di limone, pepe, sale, battete e mescolate il tutto; poi aggiungete qualche tartufo tagliato a fette sottili. I tartufi danno a questo...

Fragole al balsamico all'uso di Matilde di Canossa

Fragole al balsamico all'uso di Matilde di Canossa

Si prendano fragole intere o tagliate, ben lavate e pulite. Si pongano in una terrina insaporendole con due o tre cucchiai d’aceto balsamico. Si lascino riposare per un quarto d’ora, per poi aggiungere miele nella...

Torta di Fragole alla napoletana di Leonardi

Torta di Fragole alla napoletana di Leonardi

Pulire le fragole (devono essere mature e profumate). Tagliarle e coprirle con 4 cucchiai di zucchero. Aggiungere la scorza del limone e 2 bicchieri di zibibbo. Lasciare riposare per un'ora circa. Mettete in una...

Piatti certificati Ristorante Convivio - Ruvo di Puglia (BA)

Piatti certificati Ristorante Convivio - Ruvo di Puglia (BA)

Accendere un fuoco con legna d'olivo e lasciarlo scadere, raccogliere la cenere calda e posarla su un lato, poi adagiarvi sopra le patate, le cipolle ed i peperoni (con le loro bucce). Coprire con altra cenere calda e...

Spaghetti all’amatriciana

Spaghetti all’amatriciana

Eliminare la cotenna dura e tagliare il guanciale a dadini o listarelle. Mettere in una padella a soffriggere con l'olio, aggiungere il peperoncino tritato. Non appena la parte grassa del guanciale diventa lucida...

Piatti certificati Trattoria La Conca d'Oro - Roccadaspide (SA)

Piatti certificati Trattoria La Conca d'Oro - Roccadaspide (SA)

Si lessano le foglie e le patate, poi le patate vengono sbucciate e schiacciate con la forchetta. Le foglie si scolano e si passano sotto l’acqua fredda. Si soffrigge nella padella dell’olio con aglio e si aggiunge il...

Taillis o crema di frutta secca

Taillis o crema di frutta secca

Sbriciolare finemente biscotti e pane secco, lavorarli con latte di mandorle in modo da ridurli a una sorta di pappa. Aggiungere zucchero grezzo, mandorle tritate, ed incorporare della frutta secca di fichi e uva...

Potages di patate alla francese

Potages di patate alla francese

In una casseruola portare ad ebollizione il brodo, unire le patate tagliate a tocchetti e, quando saranno cotte, passarle allo schiacciapatate. Versare la purea nella pentola, incorporaci i tuorli d'uovo, salare,...

Zuppa algerina

Zuppa algerina

In una casseruola, fate arrostire la carne nell’olio, aggiungetevi la cipolla, la patata, la zucchina, i ceci e il loro liquido, il sale, il pepe, la menta e l’acqua bollente. Portate il tutto ad ebollizione, quindi...

Orata alle melanzane

Orata alle melanzane

Fare un brodo mettendo sul fuoco una pesciera con acqua, sale, grani di pepe, carota e sedano puliti; togliere dal fuoco e lasciar raffreddare. Rimettere la pesciera sul fuoco con all’interno un’orata ben pulita,...

Vino al ginseng

Vino al ginseng

Ingredienti: 200 cl Vino bianco – 100 g ginseng – 60 g vaniglia – 60 g cannella – 60 g rabarbaro. Preparazione: Fare macerare nel vino tutti gli ingredienti per almeno 20 giorni, avendo cura di agitare con un mestolo...

Porri in salsa per Nerone

Porri in salsa per Nerone

L’imperatore Nerone mangiava grandi quantità di porri perché era convinto che aiutassero a mantenere la voce chiara. Questa Verdura antica come il mondo, usata per arricchire tantissime pietanze,...

Granchio arrosto alla moda d'Este

Granchio arrosto alla moda d'Este

Ercole I d'Este e Eleonora d'Aragona furono promotori della presenza presso la propria corte di letterati e umanisti. Quella che vi proponiamo è una delle ricette degustate durante i banchetti rinascimentali....

Zuppa inglese dal tacuinum de' dolci

Zuppa inglese dal tacuinum de' dolci

Portare ad ebollizione il latte con la scorza del limone. Lavorare i tuorli con lo zucchero, la farina e il latte bollito. Addensare la crema a fuoco basso mescolando continuamente. Togliere e lasciare raffreddare....

Vermicelli con lo pommodoro del Cavalcanti

Vermicelli con lo pommodoro del Cavalcanti

“Piglia rotoli 4 de pommodoro, li tagli in croce, li levi la semenza e quella acquiccia, li fai bollire, e quando si sono squagliati li passi al setaccio, e quel sugo lo fai restringere sopra al fuoco, mettendoci un...

 I PARTNERS

Esimple 3D realtime technology

 I TACCUINI

Tacuinum Barocco

L'occuparsi e lo scrivere di cucina barocca investe una dimensione culturale legata a formidabili dinamiche sociali e spettacolari, dove si instaura il legame tra la mensa e la cultura, tra il cibo e la politica. Gli aggettivi grandioso, mirabolante o meraviglioso, applicati ad architettura, pittura e musica prendevano vita anche sulla tavola barocca. Era nel banchetto, inteso come teatro per la messa in scena d'espressioni effimere, che predominavano forme e colori stupefacenti.

Tacuinum de' Dolci

In questo libro vi presentiamo storie e ricette dei più celebri dolci italiani: dalla A di amaretti alla Z di zuppa inglese. Ciò che vi narriamo è strettamente legato alla cultura e alle emozioni della tradizione pasticcera: dai dolci di pane d'epoca classica alle torte farcite barocche, per arrivare ai trionfi di creatività del '900. Viaggerete nelle corti, nei conventi, nelle botteghe d'arte bianca per scoprire come abili mani, amalgamando farina, uova, zucchero, creme, spezie o canditi, hanno creato cannoli, sfogliatelle, strudel, sbrisolone o tiramisù Di ciascun dolce vi proponiamo origine, tradizione e ricetta.

Tacuinum de' Hostarie

Con questo volume vogliamo percorrere la storia dell'ospitalità pubblica al fine di presentare i cibi che hanno saziato la "fame" dei viandanti d'ogni tempo: dai commercianti romani ai pellegrini medievali, dagli intellettuali del Grand Tour ai turisti enogastronomici. In questo viaggio di conoscenza la storia delle osterie occupa un posto speciale in quanto riflette la storia della cucina italiana: povera, fortemente diversificata, basata non sulla tecnica ma sulla conoscenza empirica e la trasmissione orale dei saperi. Le oltre 100 ricette storico-tradizionali raccolte nel volume sono di facile esecuzione.

Tacuinum Bizantino

Durante gli oltre mille anni dell'Impero Bizantino, il Mediterraneo fu la via delle arti e dei mestieri, delle scienze e dei metalli, dei tessuti e degli alimenti. La tavola dei bizantini, elaborata sulla tradizione gastronomica del mondo greco e romano, venne arricchita nel corso dei secoli da culture come la longobarda, la persiana e l'araba. Questo regime alimentare irradiò la sua influenza fino a tutta l'Età Moderna...

Taccuino de' Eccellentissimi

Negli ultimi decenni lo studio dell’alimentazione, dal cibo babilonese alla cucina molecolare, è diventato non soltanto un aspetto importante per comprendere le civiltà e le epoche, ma metro di paragone per la storia dei valori sociali. Questo libro raccoglie 80 personaggi famosi (condottieri, filosofi, letterati, viaggiatori, papi, sovrani, artisti e celebrità) dal'Età Antica al XX secolo...

Tacuinum SPQR

Nella Roma antica l’alimentazione corrispondeva ad un preciso codice sociale e comportamentale che ne stabiliva regole e valori. Fonti autorevoli riportano che in età Imperiale l’onore di un nobile romano si fondava sulla sua frugalità come sulla sua magnificenza di anfitrione, mentre l’etica di un principe era dettata prima di tutto dalla sua gola e dal suo stomaco...

Tacuinum Etrusco

L'abbiamo chiamato d'archeologia gastronomica, perché non essendo giunta a noi contemporanei, alcuna documentazione letteraria sulla gastronomia etrusca, è solamente dagli scavi, dai reperti, dagli affreschi murali, che si può tentare di dedurre quali pietanze comparissero nelle tavole di 2500 anni fa...

Tacuinum Medioevale

Nella storia della nostra civiltà, si intende con il nome Medioevo quel periodo che va da circa la metà del V secolo (caduta dell'Impero Romano), fino alla fine del 1400 (inizio delle scoperte e delle invenzioni). La storia del medioevo abbraccia pertanto un millennio, ed un quadro delle sue tradizioni non è sufficiente a caratterizzarlo in ogni sua epoca ed area geografica...

Tacuinum Rinascimentale

Il termine Rinascimento, usato per la prima volta dal Vasari, indica l'idea dell'inizio di una nuova epoca di rigenerazione dell'umanità. In questo periodo, che andò dalla fine del XIV sec. alla seconda metà del XVI, si affermarono gli ideali di una nuova vita elegante e raffinata. Grazie al mecenatismo di principi e signori delle corti italiane si aggregarono grandi intellettuali ed artisti che generarono opere immortali...

Tacuinum Templare

monaci guerrieri, campioni di celebrate imprese militari in Terrasanta, nella società medievale si distinguevano anche per l'adozione di un'alimentazione equilibrata e sana. I cavalieri d'ogni casa del tempio si cibavano soprattutto dei prodotti approvvigionati localmente, e in base alla loro Regola il posto d'onore sulla tavola spettava al pane. Venivano privilegiati legumi, pesce, verdure, uova e formaggi, mentre l'uso della carne era limitato a tre volte la settimana...

Tacuinum de' Afrodisiaci

Il Tacuinum de' Afrodisiaci è una pubblicazione realizzata da alcuni autori di questa rivista: Alex Revelli Sorini e Susanna Cutini. Di afrodisiaci si parlava già nell'antichità. Presso molte popolazioni esistevano rimedi, piu` o meno efficaci, sia per gli uomini che per le donne, atti a stimolare e potenziare sessualità, eccitazione, nonché fertilità e gravidanza...